Skip to main content

Serie B, pari casalingo per l'Alabarda

30 Novembre 2010
di vicedirettore
Secondo appuntamento casalingo per l’'Alabarda Onoranze Funebri

in occasione del posticipo della terza giornata della serie B di pallamano. A Opicina finisce 28-28 (p.t. 12-15) contro l’'ostico Musile, formazione esperta che può contare tra le proprie fila il portiere triestino Benvenuti. E così Trieste sale al terzo posto con 4 punti, alle spalle di Paese (9) e Arcobaleno Venezia (6). La formazione alabardata si presenta al via con qualche assenza (problemi fisici per Grilanc e Cercato, di lavoro per Rudan e qualche incomprensione con il tesseramento di Campagnolo). Partenza al piccolo trotto per il sette di Sardoc, che - soprattutto nella prima metà della prima frazione - non riesce a esprimersi, faticando ad andare in gol. E sul finire del tempo, dopo essere stata anche a -6, riesce a rintuzzare fino al -3. Secondo tempo invece tutto di marca alabardata, che riesce a creare di più e a finalizzare i tiri dall’ala.

Alcuni clamorosi svarioni difensivi fanno però rimanere il Musile a 2-3 goal di distanza. E i veneti recuperano nel finale, ma una loro ingenuità fa sì che sprechino il rigore del +1. I triestini si trovano a gestire l’ultimo attacco con Cimadori che si fa parare l’ultimo tiro e il punteggio resta ancorato sul 28 pari. Prova comunque positiva per l’Alabarda che ha saputo reagire ad un momento di difficoltà grazie alle reti di Angileri (7 reti tutte su azione), Marchionni (finalmente incisivo e recuperato da tutti gli infortuni che hanno caratterizzato i suoi ultimi due anni), alla grinta di La Vattiata e Cimadori e alle ottime e provvidenziali parate di Cozzi e Kariz che hanno permesso la rimonta alabardata nel secondo tempo.

Sabato prossimo trasferta a Paese (Treviso) nella tana della capolista e favorita per la vittoria finale del campionato.

Alabarda Onoranze Funebri: Angileri 7, Cimadori 5, Cozzi, Kariz, La Vattiata 3, Marchionni 6, Milic 4, Raseni, Sabadin, Sardoc, Umeri 3.