Skip to main content

La Pallamano Opicina vince l'Adriatic Handball Cup

28 Marzo 2013
di vicedirettore
In sede di presentazione lo si era definito decisivo e potenzialmente ricco di spettacolo, il derby di ritorno tra la Pallamano Trieste e la Pallamano Opicina. Con i biancorossi di Schina chiamati a riscattare la sconfitta dell’andata per cercare il clamoroso aggancio a quota 9, visto che Trieste deve ancora disputare il return match con il Campoformido. Ciò non è avvenuto, merito di una Pallamano Opicina ancora in piena emergenza numerica (solamente tre i cambi realmente a disposizione) ma dal cuore grande. Le due squadre hanno dato vita fin da subito a una gara molto intensa, fatta di difesa, fisicità, ma sempre all’interno dei confini della correttezza. Anche se c’è da dire che l’arbitro Curci ha dovuto sudare più di qualche camicia per tenere in mano la partita. D’altra parte la posta in gioco era alta, sul parquet ci si giocava il titolo e nessuno voleva uscirne sconfitto. Trieste priva di capitan Baldissera, schiera a sorpresa Giacomo Campagnolo comprimario della prima squadra di coach Oveglia. La mossa paga, nel primo tempo Campagnolo va a segno ben quattro volte. L’Opicina, dopo un inizio contratto, si sblocca. L’attacco diventa più fluido e anche se Varesano per una volta non la butta dentro, ci pensano Muran e Sedmach a farlo (entrambi top scorer dei carsolini a quota 6). In più il punto forte della squadra di Nait è la difesa, capace di concedere una sola ripartenza in tutta la prima frazione,  conclusasi sul risultato, molto basso rispetto agli standard, di 8 a 9 per l’Opicina. La ripresa inizia subito con qualche sorpresa. In casa Opicina si dà vita a quel poco di rotazione disponibile, mentre Trieste rientra sul parquet di Chiarbola con i cosiddetti “occhi della tigre”. Sintomo che coach Schina nell’intervallo ha toccato le corde giuste. Vazzoler e Dovgan Lorenzo trovano con facilità la via della rete con tiri dalla media. E Trieste rimette il naso in avanti. Toccando al 41’ il +3 (14 a 11 il parziale). Coach Nait decide di rimescolare le carte e complice una superiorità numerica si riporta in vantaggio sul 14-15 (rigore di Muran). La gara subisce la svolta decisiva tra il 49’ e il 53’ quando la Pallamano Opicina confeziona un break di 4 reti, con le firme di Sedmach, Muran, Rongione. I biancorossi provano a rifarsi sotto con le staffilate di Campagnolo, ma Camarda tira giù la saracinesca. Il finale è di 17 a 22 per la Pallamano Opicina, che vincendo la sua quarta gara (in altrettante partite) si aggiudica la prima edizione della “Adriatic Handball Cup” a punteggio pieno.

IL TABELLINO DELLA GARA

PALLAMANO TRIESTE – PALLAMANO OPICINA    17-22 (p.t. 8-9)
PALLAMANO TRIESTE: Campagnolo A., Ferigutti, Dovgan A. 1, De Sanctis, Dovgan L. 6, Vazzoler 4, Lupi 1, Savron M. 2, Suman, Fabris, Campagnolo G. 4, Pinna, Coloni. All. SchinaCampagnolo A., Ferigutti, Dovgan A. 1, De Sanctis, Dovgan L. 6, Vazzoler 4, Lupi 2, Savron M., Suman, Fabris, Campagnolo G. 4, Pinna, Coloni. All. Schina
PALLAMANO OPICINA: Camarda, Angileri, Ciriello 3, Muran 6, Perini 4, Rongione 1, Rudan, Sardoc, Sedmach 6, Umeri, Varesano 2, Cozzi, Milic, Sabadin. All. Nait
ARBITRO: Luigi Curci

LA CLASSIFICA DELLA “ADRIATIC HANDBALL CUP”

PALLAMANO OPICINA            12 punti (vincitrice del torneo)
PALLAMANO TRIESTE            3 punti*
PALLAMANO CAMPOFORMIDO        0 punti*

*Pallamano Trieste e Pallamano Campoformido devono recuperare la loro quarta ed ultima partita