Skip to main content

Triestina, disfatta a Prato: tre espulsi e cinque "pappine". Ora i play-out

06 Maggio 2012
di vicedirettore
La regular season si conclude nel modo peggiore per la Triestina,

battuta dal Prato allo stadio Bisenzio – quarta sconfitta consecutiva dopo 9 risultati utili di fila - e condannata ai play-out (dove sfiderà il Latina, già battuto in trasferta) dopo la sosta di domenica 13 maggio con l’andata nel Lazio il 20/5 e il ritorno a Trieste il 27/5, mentre l’altro testa a testa sarà Prato-Piacenza; retrocesso il Bassano, salvi Feralpi Salò e Andria, promosso lo Spezia e play-off basati sui match Trapani-Cremonese e Siracusa-Lanciano). L’Unione (già priva di Gadignani, Galasso, Rossetti, Lima e De Vena a fronte delle defezioni avversarie di Cavagna, Napori, Gori), compromette la sua gara con le espulsioni di Gissi e Thomassen, a cui si aggiunge poi quella di Princivalli. Cartellini rossi che incideranno anche sulle prossime partite. Quanto alla trasferta di Prato, la gara si apre con una punizione dal limite – posizione defilata – di Allegretti, che scende ma non troppo e termina alta al 4’. Il primo pata-trac arriva all’8’: Benedetti crea spazio e Pisanu va via per vie centrali. Gissi lo stende: espulsione e calcio di rigore. Lo stesso Pisanu spiazza Vigorito e firma l’1-0. I padroni di casa sono galvanizzati e giocano il resto del primo tempo all’attacco.

Dopo due interventi di Vigorito, al 17’ Silva Reis fa da torre e De Agostini calcia di poco alto. L’Unione si rende pericolosa con una mischia al 30’, a cui risponde Pisanu al 32’ (conclusione a fil di palo). Al 36’ arriva il 2-0: contropiede di Benedetti, che imbecca il lanciato Pisanu. Questi evita Thomassen e segna. Al 40’ un gesto violento (un pugno) costa l’espulsione diretta a Thomassen, mentre al 44’ Masucci – in fuorigioco – triplica. Nella ripresa, che registra il rosso diretto anche per Princivalli (cacciato al 9’ della ripresa per proteste), la Triestina nulla può.

Il Prato gestisce la palla, abbassando i ritmi per non infierire più di quanto fatto sui rossoalabardati e rendendo così noioso l’incontro. Pertanto sono poche le occasioni. Al 17’ Geroni ci prova da 45 metri e Vigorito blocca; al 18’, quindi, diagonale di poco fuori di Benedetti. Ci prova sempre Benedetti al 32’ con deviazione di Vigorito sopra la traversa. E al 35’ altra conclusione infruttuosa di Geroni. Questi si prende la rivincita al 39’, lasciando impietrito Vigorito con il guizzo del 4-0. Poi Geroni fornisce al 44’ l’assist a Morante per il definitivo 5-0. Niente recupero e Galderisi è costretto a tranquillizzare un Godeas nervoso. Il tabellino.
PRATO 5
TRIESTINA 0

(primo tempo 3-0)
MARCATORI: p.t. 9’ Pisanu (rig.), 36’ Pisanu, 44’ Manucci; s.t. 39’ Geroni, 44’ Morante.
PRATO (5-3-2): Layeni, Dametto, Lamma, Manucci, Ghinassi, De Agostini, Fogaroli, Corvesi, Benedetti (s.t. 40’ Papini), Pisanu (s.t. 27’ Morante), Selva Reis (p.t. 32’ Geroni). A disposizione D’Oria, Visibelli, Scrugli, Piantoni. All. Esposito
TRIESTINA (4-3-1-2, poi 4-2-1-2, poi 3-4-2, poi 4-3-1 e infine 4-2-1): Vigorito; Mannini (s.t. 13’ D’Ambrosio), Thomassen, Gissi, Cecchini; Mattielig (s.t. 13’ Forò), Allegretti, Princivalli; Cesar Pinares; Godeas, Motta (s.t. 1’ Tombesi). A disposizione Cristofoli, Evola, D’Agostino, Zamparo. All. Galderisi
ARBITRO: Luca Pairetto di Nichelino (assistenti Damiano Di Iorio di Verbania e Filippo Valeriani di Ravenna).
NOTE Espulsi Gissi (8’ p.t.), Thomassen (40’ p.t.) e Princivalli (9’ s.t.). Ammoniti Mattielig, Manucci. Minuti di recupero: p.t. 3’; s.t. 0’. Corner: 4-4. Giornata piovosa e di conseguenza terreno viscido. Presente una trentina di tifosi della Triestina. Curiosità: L’arbitro è il figlio del più famoso Pierluigi Pairetto.